Latte, formaggi, yogurt: ecco il caseificio deluxe

13 Dicembre 2012

GIOVEDI 13 dicembre 2012 IL GIORNO
Lainate L’azienda “l’agricola” punta tutto sui giovani.
Latte, formaggi, yogurt: ecco il caseificio deluxe
Nuova attività davanti alla vecchia struttura dismessa

di Monica guerci – Lainate

IL NUOVO caseificio sorge davanti a quello vecchio, dismesso dopo trent’anni di attività. Martedì il taglio del nastro del nuovo fiore all’occhiello dell’agriturismo “L’Agricola” di Lainate davanti al sindaco della città, Alberto Landonio, e al direttore dell’Asl Giorgio Scivoletto. “In questo periodo di grave crisi generale – ha sottolineato il primo cittadino – avere sul territorio un’azienda che offre lavoro è molto importante, un segnale positivo per tutti, dialogo fra amministrazione comunale e imprenditori che con coraggio investono non può davvero mancare”.

Latte fresco e genuino
Il primo latte ha iniziato a scorrere nei nuovi macchinari alle 9 del mattino. “Ci vuole cuore per avviare progetti in tempi di crisi come questi  - ha dichiarato Aldo Santacatterina il proprietario dell’azienda. Il nostro investimento guarda soprattutto alle nuove generazioni: sopra al caseificio stiamo completando una scuola di alta specializzazione per formare in nostri giovani e un’importante sala conferenze in vista di Expo 2015.” Dal 1980, oltre alla coltivazione dei terreni e all’allevamento del bestiame, Santacatterina ha avviato la trasformazione del latte prodotto in latticini, dando vita al vecchio caseificio. Nel 1983 inaugura il punto vendita dei suoi prodotti. Il nuovo stabilimento è una struttura all’avanguardia dove oltre ai formaggi si produrrà anche yogurt, latte e gelato, altro punto di forza dell’agriturismo lainatese. “C’è attenzione ai particolari, uno stabilimento modello anche per i dettagli utilizzati”, commenta Scivoletto.

Boccata d’ossigeno all’occupazione
L’azienda agricola di via Rho 90 a Lainate dà lavoro a 65 persone, il nuovo caseificio potrà offrire altra occupazione, formazione e didattica. “Le normative sanitarie non consentono l’ingresso di personale non addetto ai laboratori – spiega il titolare – un limite per noi che ospitiamo le scolaresche da vent’anni. Abbiamo superato l’ostacolo creando ampie vetrate che consentiranno ai bambini di guardare cosa e come si produce con il latte e, attraverso l’interfono studenti e docenti potranno fare domande al personale”.. L’obiettivo è di realizzare un poli di eccellenza dei prodotti dell’artigiano alimentare made in Italy ad una passo da Milano.

monicaguerci@ilgiorno.net